Google+

.:| BLOG .|. GALLERY .|. INTERVISTE .|. CONCORSI .|. CATALOGHI .|. MONO |:. .: :.


lunedì 17 ottobre 2011

GIOVANNI PAOLO II “Roccia della Chiesa”

Giovanni Paolo II è stato un pontefice amatissimo oltre che personalità molto carismatica, sicuramente è tuttora nel cuore di molti e lo rimarrà per sempre.
Sabato 22 ottobre 2011 alle ore 17,00 si inaugura, presso il Santuario del Divino Amore in Roma, il monumento “Roccia della Chiesa” dedicato al Beato Giovanni Paolo II. La solenne celebrazione Eucaristica sarà presieduta dal Cardinale Angelo Comastri, Arciprete della Patriarcale Basilica di San Pietro in Vaticano. Renderanno omaggio al Beato Giovanni Paolo II i Vescovi Ordinari Militari di tutto il mondo. Dopo la cerimonia si svolgerà presso l’Auditorium del Santuario un concerto della Banda del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana aperto al pubblico.

Il Santo Padre Benedetto XVI durante la solenne Cerimonia di Beatificazione di Giovanni Paolo II definisce il suo predecessore “Roccia di Virtù, Roccia della Chiesa”.

Proprio da questa definizione parte lo sviluppo del monumento di Luca Vernizzi al Beato. “Roccia della Chiesa” è, infatti, il titolo dell’opera. Uno straordinario, quanto raffinatissimo e delicato ritratto di Giovanni Paolo II che porge un fiore alla Madonna del Divino Amore protettrice di Roma: Icona cui i romani, il 4 giugno del 1944, quando le truppe alleate stavano per lanciare l’attacco decisivo sulla capitale occupata dai tedeschi, invocarono la salvezza della città eterna.

Roccia, pietra, Kēfā in aramaico, è il nome con cui Gesù investe Simon Pietro, l’umile pescatore di Galilea, «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; tu sarai chiamato Cefa" (Gv 1,42). Investito così, da Gesù Cristo stesso, della dignità di primo papa, San Pietro, sulla cui tomba si erige la Patriarcale Basilica in Vaticano, è la roccia sulla quale si edifica la Chiesa.

“Ecco una nuova roccia”, il pensiero e l’emozione vissuti dall’artista Luca Vernizzi, nel sentire Benedetto XVI proclamare Beato Giovanni Paolo II indicandolo quale roccia, danno vita fin da subito all’immagine dell’opera che sarebbe nata: racchiusa in una roccia. Una solida, significante roccia. Un grezzo e simbolico blocco di pietra teso a svelare il ritratto del Beato, realizzato a mosaico dal maestro Marco Santi del gruppo Mosaicisti di Ravenna. E ancora una volta, nella tecnica scelta per la realizzazione dell’opera a tessere musive, si rinnova l’omaggio all’antica tradizione artistica petrina.

“Totus tuus”, “Sono tutto tuo”, è così che Giovanni Paolo II consacra la sua vita a Maria. Nel Santuario Mariano del Divino Amore, dove egli si è recato per ben tre volte durante il suo pontificato, dal 22 di ottobre - proprio nello spazio dove egli atterrò con l’elicottero papale - il monumento “Roccia della Chiesa” accoglierà i devoti del Santuario caro a tutti i romani, e i pellegrini provenienti da ogni parte del mondo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...