Google+

.:| BLOG .|. GALLERY .|. INTERVISTE .|. CONCORSI .|. CATALOGHI .|. MONO |:. .: :.


lunedì 28 novembre 2011

Libri d'autore con Leone Piccioni

Una duplice uscita per Leone Piccioni, critico letterario e uno degli ultimi testimoni della grande stagione novecentesca, amico e compagno di strada di poeti e critici come Mario Luzi, Giorgio Caproni e Carlo Bo.  Studioso nato alla scuola di De Robertis, curatore del primo Meridiano Ungaretti, Leone Piccioni ha la dote di saper coniugare la più sottile analisi filologica con impressioni e fatti biografici, raccontati con una lingua sempre attenta alla comunicazione. Attenzione che deriva a Piccioni dall’aver affiancato alla sua attività saggistica, il lavoro in Rai – ne è stato vicedirettore dal ‘69 al ‘91- dove curò la trasmissione L’Approdo letterario a cui collaborarono intellettuali come Carlo Betocchi e Riccardo Bacchelli, e al cui archivio dobbiamo molto della memoria storica del novecento.

Leone Piccioni con Ungaretti
"Memoriette", raccoglie in forma di brevi racconti e apologhi alcuni scritti recenti. Nelle raffinate piccole edizioni Pananti, dunque, le allegre memorie disegnano ritratti fulminanti di personaggi sconosciuti  ma anche di nomi leggendari del secolo trascorso, da De Gasperi a Ungaretti, da Burri a Gadda.  A Gadda è dedicata una sezione, dove l’identikit del Gran Lombardo è tracciata attraverso battute e episodi che rivelano la sua costante paradossalità. Uno spirito umoristico ma anche morale percorre tutto il libretto. Da non perdere la carrellata dei sacerdoti di provincia e dei loro interlocutori, perlopiù atei incalliti della campagna toscana che rivelano, attraverso una battuta, un litigioso ma fervido dialogo con Dio.

"Vecchie carte e nuove schede" raccoglie, invece, sessant'anni di letture, giudizi ritratti, ricordi, da Gadda a Landolfi, da Bontempelli a Delfini, da Lisi a Moravia, fino ai nuovi narratori e narratrici contemporanei - Daniele Del Giudice, Cristina Comencini, Margaret Mazzantini. Piccioni raccoglie con la consueta misura e il senso innato dell'eleganza alcune voci dalla sua critica giovanile, al solito sobria acuta precisa, e le mescola con articoli recenti, come quello che commenta il passaggio dalla sua storica edizione ungarettiana del 1969 all'ultima di Carlo Ossola nei "Meridiani" della Mondadori. E’ lo sguardo lungo di chi sa quanto autentico e stupendo sia stato quel sogno di letteratura, arte e di critica. Sullo sfondo è Firenze, la città da amare e sempre da rimpiangere, come un amore mai completamente vissuto.


Memoriette, Pananti, 2011 (Pag. 42 stampato in 300 esemplari)
Vecchie carte e nuove schede 1950- 2010, Nicomp Saggi (Pag. 224)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...