Google+

.:| BLOG .|. GALLERY .|. INTERVISTE .|. CONCORSI .|. CATALOGHI .|. MONO |:. .: :.


mercoledì 11 aprile 2012

De Chirico: l'Apocalisse e la luce

Cristo issato sulla croce
Per la prima volta nel 2012, per la quarta da quando è stato restituito alla vita e all’arte, Palazzo de’ Mayo ospita una mostra temporanea di notevole valore, a conferma della qualità che ha caratterizzato le esposizioni che l’hanno preceduta.
Dal 27 aprile al 15 luglio 2012, l’ala del monumentale complesso riservata alle mostre temporanee accoglierà nelle sue sale alcuni capolavori di Giorgio de Chirico, una delle figure più significative e complesse nel panorama artistico del Novecento europeo.
Iniziatore della pittura metafisica, operò una continua ricerca che lo condusse anche alla rievocazione di motivi classici e al recupero della grande tradizione della pittura barocca e romantica. Per questi motivi una mostra di de Chirico è già di per sé un avvenimento di scontata importanza, ma quella di Chieti ha un valore tutto suo, aggiuntivo. È infatti la prima, fatta eccezione per quella realizzata da Achille Bonito Oliva nel 2004 (La passione secondo de Chirico presso la chiesa romana di San Francesco d'Assisi a Ripa Grande in Trastevere), dedicata a un “momento” particolare, tra i meno conosciuti ma di sicuro rilevante, dell’arte del grande Maestro, quello religioso, come si evince dal titolo stesso della rassegna: De Chirico. L’Apocalisse e la luce.
Il percorso della rassegna, ideata da Crocevia – Fondazione Alfredo e Teresita Paglione, prodotta dalla Fondazione Carichieti, in collaborazione con la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, e curata da Giovanni Gazzaneo e Elena Pontiggia, offre dunque al pubblico e agli studiosi una nuova e sorprendente chiave di lettura dell’opera dechirichiana.
Cinquantacinque le opere esposte a Palazzo de’ Mayo. Il percorso espositivo parte idealmente dall’Apocalisse: un’ opera permeata di una poetica decisamente “poco apocalittica – come scrive Elena Pontiggia nel saggio in catalogo – e caratterizzata da atmosfere di tranquilla serenità, di candore fanciullesco, di stilemi iconografici più fantasiosi che raccapriccianti”.
Del capolavoro della grafica dechirichiana saranno in mostra sia le venti litografie realizzate nel 1940 e pubblicate nel 1941, rilegate in volume, sia le ventidue litografie acquarellate a mano dal Maestro dell’edizione del 1977. Accanto ad esse figurano dipinti che spaziano dal Buon samaritano e San Tobia e i viandanti, entrambi del 1939 all’ Annunciazione del 1954 al Tondo Doni da Michelangelo, 1975, una delle ultime opere dell’artista.
Culmine dell’esposizione è La salita al Calvario, il capolavoro sacro di de Chirico: una tela monumentale realizzata nel 1947 e per anni conservata gelosamente dal Maestro nella sua abitazione. Restaurata per l’occasione dalla Fondazione Carichieti, arriva in prestito straordinario dalla chiesa di San Francesco a Ripa di Roma, dove è collocata sulla tomba di de Chirico e della moglie. Provengono infine dalla Galleria di Arte Contemporanea della Pro Civitate Christiana di Assisi, il Gesù divino lavoratore (1951) e quattro disegni inediti (1949), mentre dell'Istituto delle Suore Clarisse di Rieti è il prestito della Crocifissione del 1950.
In occasione dell’esposizione di Chieti, oltre al catalogo della mostra, introdotto da monsignor Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti-Vasto, verrà presentato anche il catalogo ragionato dell'opera sacra di de Chirico, a cura di Crocevia – Fondazione Alfredo e Teresita Paglione. Il testo, che per la prima volta affronta l’argomento in maniera sistematica e criticamente approfondita, presenta oltre centocinquanta opere, molte delle quali inedite o di rara pubblicazione. Entrambi i volumi sono pubblicati da Silvana Editoriale.


De Chirico. "L'Apocalisse e la luce"
27 aprile - 15 luglio 2012
Museo Palazzo de’ Mayo, Fondazione Carichieti
Corso Marrucino, 121
CHIETI

Orari:martedì-domenica 10.00 - 13.00;
sabato e domenica anche apertura pomeridiana ore 16.00 - 20.00
Dal 1° luglio orario estivo:  martedì-domenica 19.00 - 23.00.
Gli orari potrebbero subire variazioni, verificare al numero +39 0871 568206 - +39 0871 359801
Giorno di chiusura: Lunedì; Visite guidate su appuntamento.
Contatti: Tel. 0871/568206 - 0871/359801; Fax 0871/568203; Email: info@fondazionecarichieti.it
Catalogo: Silvana Editoriale


---
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...