Google+

.:| BLOG .|. GALLERY .|. INTERVISTE .|. CONCORSI .|. CATALOGHI .|. MONO |:. .: :.


lunedì 22 dicembre 2014

ART OPEN SPACE Rassegna d'arte 2015

Si è conclusa questo mese con la pubblicazione dell'ultima personale in calendario, GIOCHI DI LUCE di DINO CORRADINI ed i relativi cataloghi, la rassegna d'arte 2014 di Art Open Space, che, vuoi per la formula con cui viene proposta, vuoi per la bravura degli artisti selezionati, ha destato molto interesse e riscosso graditi ma soprattutto stimolanti apprezzamenti.
La positiva spinta emotiva di questo successo ha portato prima all'idea e alla decisione poi, di confermare e quindi realizzare la rassegna anche per il 2015.
Il prossimo anno sarà dedicato ad un ciclo espositivo tutto al femminile, saranno infatti cinque artiste le protagoniste della Art Open Space Web Gallery:
LISA BARBERA - GLORIA GUSELLA - GIUDITTA PELLIZZONI - JASMINA ROJC - ALICE ZUCCHERI.
A loro il compito di raccontare l'arte seguendo la propria visione, ognuna col suo linguaggio e la propria sensibilità.




LISA BARBERA



GIUDITTA PELLIZZONI



GLORIA GUSELLA


 

JASMINA ROJC

ALICE ZUCCHERI

Salvo imprevisti, il calendario delle esposizioni sarà il seguente:
FEBBRAIO: LISA BARBERA
APRILE: GIUDITTA PELLIZZONI
GIUGNO: GLORIA GUSELLA
SETTEMBRE: JASMINA ROJC
NOVEMBRE: ALICE ZUCCHERI


Con questo post, Art Open Space si congeda per le festività, l'augurio per voi tutti è di trascorrere un Santo Natale all'insegna della gioia e della serenità.

Cristina Polenta 


BALDI FOR ART - call of artists

La maison fiorentina Baldi, grazie alla collaborazione con l’agenzia Dialoga Arte e alla sponsorship di Etihad Airways, promuove la II edizione del concorso “Baldi International Art Award 2015.

Il concorso ha come obiettivo la REALIZZAZIONE DI UN’OPERA SCULTOREA, favorendo la sinergia tra la creatività dell’artista partecipante e l’assistenza tecnica fornita dalla grande esperienza artigianale di Baldi. L’oggetto artistico verrà prodotto e commercializzato, in edizione limitata, nelle boutiques Baldi di tutto il mondo.

Possono partecipare scultori, designer, architetti e creativi, che abbiano preferibilmente già maturato esperienze nel settore artistico. La lettura del cv/portfolio non sarà, tuttavia, vincolante ai fini della selezione, con l’intento di valutare innanzitutto la validità del progetto presentato.

Tenendo presente la finalità del concorso, nato come tributo a Vincenzo Consani, antenato e capostipite di casa Baldi, ogni artista potrà sottoporre all’azienda il progetto/bozzetto di un’opera scultorea che offra un’interpretazione contemporanea di quegli ideali di bellezza che ispirarono il neoclassicismo italiano e che il Consani, con la sua maestria e talento nella lavorazione di diversi materiali, trasmise ai posteri segnando così un modello nel tempo.
Non sussistono indicazioni relative allo stile o alla tecnica da adottare, si richiede, tuttavia, rispetto delle dimensioni consentite, fissate per un massimo ingombro di 50 cm (lxhxp). 
Sul sito del concorso, www.baldiforart.com, sarà inoltre possibile scaricare profilo dell’azienda e l’elenco dei materiali messi a disposizione (pietre e metalli) e delle tecniche supportate dai laboratori Baldi (fusione a cera persa, mosaico…). L’opera che si andrà a realizzare sarà infatti frutto di un progetto sviluppato e condiviso dall’artista vincitore e dallo staff di Baldi. 

Le opere finaliste saranno selezionate da una giuria composta dai rappresentanti di Baldi, da critici d’arte e dallo staff Dialoga Arte. 

Per partecipare al concorso, si richiede l’invio, tramite posta elettronica, entro la data del 22 FEBBRAIO 2015, all’indirizzo info@dialogaarte.com di:
- scheda di iscrizione (scaricabile dal sito del concorso www.baldiforart.com);
- rendering o schizzo del progetto o, se già realizzato, fotografia del prototipo. 

lunedì 15 dicembre 2014

CATALOGANDO: i finalisti

Nel mese di novembre, Art Open Space ha lanciato la prima edizione del suo nuovo contest CATALOGANDO, un concorso che riserva a 20 artisti la realizzazione e la pubblicazione di un elegante catalogo delle proprie opere.
Le candidature giunte sono state davvero molte e la scelta non sempre si è rivelata semplice, probabilmente ci sarebbe voluto qualche posto in più a disposizione da poter assegnare.
Nel selezionare i candidati si è cercato di dare spazio ad artisti diversi non solo come stile e linguaggio ma anche come bagaglio di esperienze.
Sotto, in ordine alfabetico, il nome e un'opera rappresentativa di ognuno dei 20 vincitori.
Un sincero ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato, confidando di poterli nuovamente incontrare in occasione della prossima edizione del contest.

SOFIA BATTISTI



SELENIA BOSSO



RUBEN BROGNA


IVANA BUKOVAC



ALESSANDRA CARLONI



EZIO CICCIARELLA 


GIANNI COLANGELO



LORENA FISICARO


STEFANO GALLI


FIORENTINA GIANNOTTA



SARA LOVARI



ALESSANDRA LUX


NICOLAS NAVONI




NICOLA OLIVERI



RICCARDO RICCI


ANTONELLA SALVADORE



CHRISTIAN SIDA



PAOLO TOSTI


LORENZO VILLA




CRISTIANA ZAMBONI








giovedì 11 dicembre 2014

DINO CORRADINI: GIOCHI DI LUCE

L’acquarello è da sempre il suo grande amore, la sua tecnica prediletta, che a volte utilizza, a suo dire, anche in modo sicuramente poco convenzionale.
Spesso dipinge adoperando un solo colore e tra i suoi lavori sono proprio quelli monocromatici ad essere di gran fascino: è spettacolare vedere come “semplicemente” dosando acqua e pigmento e sfruttando la luce data dal candore del foglio, Dino Corradini, come un navigato alchimista, riesce a trasformare questi soli tre elementi in eleganti acquarelli dalle molteplici sfumature e dai tratti eleganti e puliti.
Dinamismo, luce e colore sono le sue parole d’ordine, i punti cardine della sua ricerca artistica. Per Dino Corradini l’acquarello è qualcosa di vivo, in grado di sorprenderlo ogni volta, appagante; sentimento che osservando i suoi disegni traspare.
Il vivere quotidiano è la sua maggiore fonte di ispirazione, osserva e rappresenta ciò che accade intorno a sé, scene di vita e di gente comune. Anche il mare è motivo di continuo impulso creativo, probabilmente l'acqua è il vero elemento naturale di questo artista: energia che scorre fluida come il colore quando si espande sul foglio e crea ogni volta una nuova magia.

Cristina Polenta



BORDELLO

"L'acquarello è evoluzione continua per me 
...a volte lo uso quasi come fosse una vecchia tempera, ma così posso cercare quel contrasto di luce senza dover ricorrere ad altre tecniche. [...] Uno dei miei preferiti è il color indigo, riesce a darmi una strana malinconia, una malinconia gioiosa, piacevole e mai depressiva."



BARCELONETA



"Mi trasferii a Barcellona per caso, dopo essere tornato dagli Stati Uniti mi presi un po' di tempo per decidere cosa fare e poi andai a trovare un amico che già abitava là. Da breve la vacanza si trasformò in insediamento, rimasi a Barcellona ed iniziai a lavorare soprattutto con la pubblicità, mondo molto diverso dal cinema ma ai tempi a Barcellona ne giravano tantissime e di tutti i tipi, dai dentifrici alle auto. Poi arrivarono anche i primi lungometraggi."









BIMBE


"Mi piacciono anche gli acrilici e l'olio, lavorare materiali come plexiglass e creta, spesso ci sono momenti in cui uno ha bisogno di sperimentare o usare nuove tecniche per ossigenare cervello ed anima per non fossilizzarsi, ma alla fine torno sempre all'acquarello perchè per me è una tecnica viva, dinamica, è sempre una sorpresa e mi fa sentire tale.



PUGILI



                                               

Open///Creazione contemporanea 2015

Quarta edizione di OPEN /// CREAZIONE CONTEMPORANEA 2015, bando rivolto ad artisti (singoli, compagnie o collettivi) che operano nell’ambito della sperimentazione di nuovi linguaggi e forme espressive e ha come obiettivo la realizzazione di progetti artistici da presentare all’interno del Festival Pergine Spettacolo Aperto 2015 nella sezione OPEN /// CREAZIONE CONTEMPORANEA.

L’intento è quello di favorire la crescita e le occasioni espressive di artisti a livello regionale e nazionale, sostenendo creazioni che riescano a instaurare un’interazione con gli spazi e gli abitanti della città di Pergine Valsugana.

Il bando è aperto ad artisti che operano su tutto il territorio nazionale, mentre un supporto specifico sarà destinato ad almeno un artista/gruppo proveniente dalla regione Trentino Alto-Adige.

Per OPEN /// CREAZIONE CONTEMPORANEA 2015 artisti e compagnie sono invitati a proporre progetti coerenti con le tematiche scelte: nascita, morte e riti di passaggio; lo scorrere del tempo, l’infinito divenire e l’idea di immortalità; l’immagine del corpo censurata, manipolata, trasformata; malattia, guarigione e benessere; il rapporto corpo-natura-tempo.

Il bando è aperto a soggetti che operano in qualsiasi disciplina artistica: teatro, danza, design, performance, architettura, sound art, musica, arte visiva, video, film, fotografia, arte partecipativa e relazionale, moda, media art, etc. Non sono ammessi al bando produzioni di teatro e/o danza realizzate per uno spazio scenico convenzionale.

Il bando prevede un finanziamento di produzione che va da un minimo di 500 € a un massimo di 2500 € (al lordo di IVA, trattenute fiscali e previdenziali) per ogni progetto selezionato.
Il Festival si impegna a coprire separatamente le spese di viaggio, vitto e alloggio per gli artisti selezionati.

La domanda di partecipazione va inviata entro la mezzanotte del 9 gennaio 2015 all’indirizzo e-mail open@perginefestival.it. I materiali devono essere organizzati in un unico file PDF (max 10MB) contenente:
• domanda di partecipazione compilata in ogni sua parte;
• portfolio e CV dell’artista/ gruppo.

I vincitori verranno contattati e annunciati sul sito www.perginefestival.it il 26 gennaio 2015.


info e bando
www.perginefestival.it

martedì 2 dicembre 2014

Omaggio a Rodolfo Aricò

Si inaugura martedì 2 dicembre alle 17.30, nel prestigioso spazio neoclassico del Salone Napoleonico del palazzo di Brera, la mostra omaggio a Rodolfo Aricò che, oltre ad essere uno dei maggiori pittori italiani del secondo dopoguerra, è stato titolare della cattedra di Scenografia dal 1979 al 2000.
Il doveroso e sentito omaggio, dunque, va all’artista e al docente, che in Accademia ha costituito un punto d’incontro e di confronto tra studenti, docenti e mondo della cultura non solo artistica, ma anche letteraria e teatrale: famosi sono rimasti gli incontri e i workshop con i maggiori commediografi e scrittori del tardo Novecento, personalmente conosciuti e invitati dall’artista a tenere piccoli corsi accademici.
La mostra presenta, con soli otto grandi e selezionati lavori, il percorso ideale dell’artista dal momento della maturità stilistica – attorno alla metà degli anni Sessanta – all’ultimissima opera del 2002. L’invenzione della tela sagomata, il riferimento alla grande pittura rinascimentale, l’indagine sulla sensibilità della pittura, si possono leggere in trasparenza nelle opere esposte che, per quanto numericamente esigue, “coprono” tutto l’arco della sua attività, con due lavori degli anni Sessanta, due dei Settanta, due degli Ottanta e due, infine dell’ultimo periodo. La cornice del Salone Napoleonico, che non nasconde in questo caso i gessi del Partenone voluti da Antonio Canova, fa da degno e concettuale contorno alla sua duplice attività, come si è detto, di artista e di docente.
La mostra, realizzata in collaborazione con l’Archivio Rodolfo Aricò, è curata da Roberto Casiraghi, Claudio Cerritelli e Marco Meneguzzo, e dalla Commissione Cultura dell’Accademia, di cui i tre docenti fanno parte.
Nel corso della rassegna, verrà pubblicato un volumetto che raccoglie – così come era stato formulato dallo stesso Aricò – le registrazioni degli incontri più significativi tra artisti, commediografi, scrittori, avvenuti durante gli anni della sua docenza in Accademia.



Accademia di Belle Arti di Brera
via Brera, 28 - Milano Lombardia Italia
Orario: lunedì – venerdì 9.00 – 18.30; sabato 9.00 – 14.00
Ingresso libero

II PREMIO MOSTRA DEL TIGULLIO 2015

La Società Economica di Chiavari indice il bando per la II° edizione del “Premio Mostra del Tigullio 2015 – Sezione Arte”.
Il concorso è finalizzato alla promozione dell’arte contemporanea sul territorio ed è rivolto ad artisti di tutte le nazionalità.
Il premio è suddiviso in due categorie: pittura e fotografia.
L’opera è a tema libero ed ogni artista potrà partecipare con una sola opera, in piena libertà stilistica e tecnica.
Le iscrizioni vanno effettuate entro il 28 febbraio 2015, tramite posta elettronica all’indirizzo premio.arte2015@societaeconomica.it , inviando:
- una fotografia dell’opera in formato jpg 300 dpi
- una breve nota critica/biografica di max. 600 battute
- modulo di partecipazione compilato e firmato (gli autori minorenni devono allegare anche la scansione dell’autorizzazione/manleva firmata da uno dei genitori o da chi ne fa le veci, valida per la partecipazione e la pubblicazione del concorso)

La partecipazione alla prima fase del concorso è gratuita
Tutti gli artisti che supereranno la prima selezione da parte della giuria dovranno versare un contributo di euro 50,00 a parziale copertura delle spese per il catalogo della mostra e per quelle organizzative.

Le opere selezionate saranno tutte esposte a cura della Società Economica durante la 157ma Mostra del Tigullio dal 18 al 21 giugno 2015 a Chiavari, in tale occasione verrà presentato il catalogo.

Le opere dei primi tre classificati di ogni categoria verranno esposte alla VI Biennale di Genova - Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea - organizzata da Satura Art Gallery che si svolgerà dal 4 al 18 luglio 2015. La Commissione si riserva di assegnare premi speciali ad artisti che si saranno particolarmente distinti. Le opere resteranno di proprietà degli artisti.

info e bando completo su
http://www.societaeconomica.it/

lunedì 24 novembre 2014

I Ritratti di PIETRO PASOLINI

Una nuova mostra alla Galleria Rosso Cinabro di Roma ideata da Cristina Madini, che sulla scia del Festival internazionale di Roma, ancora in corso al Museo Macro che quest'anno celebra il ritratto fotografico, propone le opere dell’artista Pietro Pasolini.
I ritratti raffiguranti volti e storie di paesi lontani, tutti rigorosamente in bianco e nero, saranno esposti dal 4 al 10 dicembre.
Fin da giovane Pasolini si interessa alla fotografia e dopo aver conseguito il diploma alla Saint Martins, il college di arte e design di Londra, parte per un viaggio di sei mesi in solitario. Ispirato da fotografi quali Jimmy Nelson e Steve McCurry sceglie di focalizzarsi principalmente sulla fotografia ritrattistica immortalando cosi i volti di chi abita luoghi sperduti, isolati dei cinque continenti. Occhi, sguardi, rughe che raccontano storie, passato, fatica e ricerca interiore più di mille parole. L’opera diventa la rappresentazione del legame ideale tra il fotografo e la persona fotografata. Avendo confinata ammirazione per Salgado stampa quasi esclusivamente in bianco e nero poiché sostiene che i colori distraggono dall'intensità dello scatto, non permettendo di concentrare l'attenzione esclusivamente sulla personalità di chi vi è ritratto. Le foto, che sono il risultato di 3 anni di lavoro e di un totale di 4 lunghi viaggi, riescono a restituire il senso della ricerca artistica di Pasolini.
Le stampe fine art, in edizione limitata di 3 in diversi formati, sono stampate personalmente dall’autore.



dal 4 al 10 dicembre 2014
RossoCinabro
Roma

ingresso gratuito
info line 06 60658125
info: rossocinabro@gmail.com
http://www.rossocinabro.com/

da lunedì a venerdì 10:30-12:30 e 13:00-19:00
Sabato 10:30-12:30 e 13:00-19:00 Chiuso domenica



ARTEXPO NEW YORK

In 36 anni di attività Artexpo ha rivoluzionato il modo di comprare e vendere arte. Ogni anno attira più di 15.000 appassionati d'arte. E' il più grande raduno internazionale di acquirenti, operatori qualificati, galleristi, mercanti d'arte, interior designer, architetti, art buyer aziendali e grandi editori, mettendoli faccia a faccia con centinaia di artisti affermati ed emergenti, che definiranno le nuove tendenza di mercato per molte gallerie nel mondo.
Coronari 111 ART GALLERY partecipa con il suo stand #417 in una posizione davvero favorevole vicina agli ingressi e visibile da tutti i corridoi, proponendo fra l'altro il marchio ArtItaly creato per esaltare l'arte gli artisti italiani nel mondo. A New York la 2 Edizione dopo Naples (FLORIDA).

Partecipare a queste manifestazioni non è semplice, soprattutto perchè molto costoso per il singolo artista, con Coronari 111 ART GALLERY invece si potrà accedere agli spazi e risparmiare sui costi organizzativi e di spedizione delegando l'attività e la presenza richiesta in fiera per l'allestimento.

Per info e selezioni inviare le immagini all'indirizzo:
website:
http://www.coronari111.com/#!artexpo-new-york-2015/c2zv
mail: info@coronari111.com 
Telefono: 06 8971 6552

Visible White Photo Prize 2015

Tema della IV edizione del Visible White Photo Prize 2015 è: "Come interpreti la famiglia nel contesto sociale contemporaneo e quali nuove iconografie possono rappresentarla?"

Francesca Fabiani, Curatrice delle collezioni di fotografia del MAXXI Architettura di Roma, e Paul di Felice, Professore presso l’Università del Lussemburgo, sono i curatori di 'Familydom', IV edizione del Visible White Photo Prize 2015 e sono interessati a conoscere i vari punti di vista fotografici su questo tema.

Familydom è una open call internazionale per progetti fotografici aperta a fotografi ed artisti senza limiti di età e di esperienza.
4.000 € di premi in denaro per il ‘Best Project’ e per il ‘Best Runner-up Project’.

10 progetti saranno selezionati da una giuria internazionale.
I progetti finalisti saranno esposti dal 15 maggio al 12 giugno 2015 presso la Fondazione Studio Marangoni di Firenze e saranno inclusi in un catalogo appositamente pubblicato.

Il termine ultimo per aderire è il 28 febbraio il 2015.
La quota di adesione per un Progetto che può presentare fino a 10 immagini è di 70 €.
Familydom è organizzata da Celeste Network e Fondazione Studio Marangoni.

Edizioni passate di Visible White Photo Prize:
You See Me (2014); Lapsus (2013); beyondmemory (2012).


info@premioceleste.it
tel / fax: +39 0577 1521988
Info e bando su: http://www.premioceleste.it/familydom

martedì 18 novembre 2014

A Punto sull'Arte, tutto è AttrACTION

Una bellissima mostra quella proposta da Punto sull'Arte di Varese, che vede tre artisti protagonisti, Matteo Pugliese, Andrea Mariconti e Harding Meyer, raccontare l'uomo usando linguaggi diversissimi e paralleli per potenza espressiva.
Al centro della mostra, curata da Alessandra Redaelli, tre artisti riconosciuti dalla critica e dal grande pubblico a livello sia nazionale che internazionale.

Ci sono i corpi di Matteo Pugliese, uno dei più interessanti e affascinanti scultori italiani contemporanei, riconosciuto a livello mondiale. Alcune sue sculture sono state battute dalle principali case d’asta - Christie’s, Sotheby’s, Pandolfini – raggiungendo sempre migliori risultati. Le sue opere sono guerrieri dalle suggestioni classiche prigionieri di una materia bruta, colti nel momento culminante della lotta, nell’attimo immediatamente precedente la liberazione; deflagrazioni di forza contratta scolpite nel bronzo. 
Ci sono i volti di Harding Meyer, immensi, imponenti, grandiosi, dove la limpidezza ipnotica degli sguardi va a stemperarsi nella pennellata soffice, quasi eterea, che ne fa icone di una bellezza senza tempo.
E poi ci sono i ritratti di Andrea Mariconti, in bilico tra la passione per il dettaglio minuto, quasi fotografico, e il bisogno di liberare la materia, di lasciare che si dissolva, che esploda, che si apra a nuove esplorazioni e alla terza dimensione.


AttrACTION
aperta sino al 27 dicembre

Punto sull'Arte
Viale Sant'Antonio, 59/61 Varese
mar-ven 15-19, sab 10-13 e 15-19, domenica 15-19
ingresso libero

Marche Centro d'Arte - edizione 2015

Terza edizione per la Selezione Marche Centro d’Arte, manifestazione organizzata nell’ambito della 5ª Edizione dell’Expo di Marche Centro d’Arte il cui scopo è la promozione e lo sviluppo delle nuove tendenze espressive e i nuovi talenti a livello nazionale e internazionale.

La Selezione prevede l’allestimento di un’esposizione collettiva di arte contemporanea e la pubblicazione del relativo catalogo, all'interno dell'Expo di arte contemporanea organizzata dall'Associazione Marche Centro d'Arte.

L’inaugurazione dell’esposizione collettiva è prevista tra primavera ed estate 2015, la mostra, curata da Nikla Cingolani sarà allestita al PalaRiviera di San Benedetto del Tronto, nell’ambito della 5ª Edizione dell’Expo Arte Contemporanea di MCdA, contestualmente alle altre sezioni che compongono il progetto.

La partecipazione è totalmente gratuita e possono iscriversi tutti gli artisti, che abbiano compiuto almeno i diciotto anni di età, senza limiti di nazionalità o altra qualificazione.
All'artista è data facoltà di presentare opere di nuova realizzazione o già realizzate.
Sono ammessi tutti i mezzi espressivi figurativi (senza vincoli tematici, di linguaggio, di dimensioni e di materiali) ed è possibile partecipare con un numero massimo di cinque opere.

Gli artisti possono iscriversi entro e non oltre le ore 22.00 di sabato 10 gennaio 2015, utilizzando la modalità on-line, direttamente sul sito di Marche Centro d'Arte tramite questo link: http://mcda.cocalosclub.it/iscriviti/


Per info, bando e regolamento:
MARCHE CENTRO D'ARTE
http://mcda.cocalosclub.it/

mercoledì 12 novembre 2014

le ACQUE SCURE di Anna Lorenzini

Pubblicato ieri il catalogo della quarta delle cinque personali della rassegna d'arte 2014 di Art Open Space.
La mostra, intitolata ACQUE SCURE vede protagonista Anna Lorenzini, giovane artista lombarda che affronta il tema dell'autoritratto come ricerca della propria identità più intima.

"..ho deciso di approfondire il tema dell'autoritratto analizzandolo sotto il profilo psicologico, diviene così un autoritratto usato come metodo di autoterapia, una modalità di riparazione, mettendoci la mia persona in modo totale.
La mia membrana oculare diventa così lo strumento per rappresentare la propria interiorità, oggetto dell’ossessione, attraverso la fisicità del volto."


Il ciclo di esposizioni online di questo anno, si concluderà a dicembre con la personale di Dino Corradini.

Il catalogo, a copertina morbida e rilegatura cucita, è disponibile su Lulu.com dove è presente anche una sua versione digitale in formato e-book.





Antonella Magliozzi e la sua "Scrittura dell'anima"

E' con una serie di mostre in Italia e all'estero che l’artista Antonella Magliozzi chiuderà il 2014.
Nel mese di novembre le sue opere saranno esposte presso l’Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma 2014, direttore artistico Daniele Radini Tedeschi, organizzazione La Rosa dei Venti. Con la partecipazione di Philippe Daverio, presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma – Castro Pretorio, nel periodo dal 21 novembre al 3 dicembre 2014.
“Last Paradise” - questo è il titolo della mostra diretta e curata dal dr. Tedeschi, nonché l’evento conclusivo della rassegna capitolina - rappresenta per la Magliozzi un lieto ritorno nella capitale che segue, a distanza di qualche anno, la sua esposizione presso la prestigiosa galleria Palazzo Margutta nella celeberrima via omonima. In occasione del vernissage, previsto per venerdì 21 novembre alle ore 16, si terrà la conferenza dal titolo “L’Arte tra Avanguardia ed Estetica. Riflessioni filosofiche e storico-artistiche”, alla quale parteciperanno personalità eccellenti del mondo dell’arte, su tutti lo studioso e storico dell’arte prof. Philippe Daverio.
Le opere dell’artista laziale si sono lasciate già ammirare oltralpe, in Francia, a Bar-le-Duc, nella regione della Lorena: la “Scrittura dell’Anima”, cifra identificativa dell’arte della Magliozzi, ha infatti suscitato grande interesse tra i fondatori del Club Artistique du Barrois, impegnati nell’organizzazione di una mostra internazionale – onorata da alte cariche governative – organizzata per celebrare il cinquantenario dell’ente artistico francese. La rassegna, dal titolo “La Paix entre les Peuples”, la pace nel mondo, tematica ricorrente nelle opere della Magliozzi.




21 novembre - 3 dicembre 2014
Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma 2014
Biblioteca Nazionale Centrale – Castro Pretorio
R O M A

PREMIO ARTE LAGUNA

Posticipata al 4 dicembre, la chiusura delle iscrizioni al IX Premio Arte Laguna.
Gli artisti potranno candidarsi alle sei sezioni in concorso e partecipare alle selezioni per la mostra finale e per tutti i premi in palio.

Il premio, a cura dell’Associazione Culturale MoCA (Modern Contemporary Art), in collaborazione con lo Studio Arte Laguna, è finalizzato alla promozione e valorizzazione dell’Arte Contemporanea.

Il concorso è aperto a tutti gli artisti, senza limiti di età, sesso, nazionalità o altra qualificazione.
E' richiesta una quota di partecipazione.

Le sezioni previste sono: pittura - scultura e installazione - fotografia - video art - performance - digital art - arte ambientale.
La dotazione complessiva del Premio è di € 180.000, così ripartita:
€ 7.000,00* Pittura
€ 7.000,00* Scultura e Installazione
€ 7.000,00* Arte Fotografica
€ 7.000,00* Video Arte e Performance
€ 7.000,00* Arte Virtuale e Digitale
€ 7.000,00* Arte Ambientale e Paesaggistica - Ideata e creata con Thetis SpA.
* Su tutti i premi in denaro sarà operata, come per legge, una ritenuta alla fonte del 25% a titolo di imposta. I premi in denaro verranno consegnati in occasione della Cerimonia di Premiazione.

La selezione delle opere candidate sarà effettuata da una giuria internazionale composta da membri suddivisi nelle cinque sezioni di concorso, con la direzione artistica del curatore Igor Zanti.

Gli artisti possono iscriversi online o inviando in busta chiusa o consegnando direttamente alla Segreteria del Premio (ARTE LAGUNA – Via Roma, 29/A - 31021 Mogliano V.to (TV) Italia):
- il modulo di iscrizione presente alla pagina http://www.premioartelaguna.it/modulo.pdf
- una breve nota biografica
- una fotografia di ciascuna opera (formato min. cm. 15x20 – formato max. cm. 20x30) riportante sul retro: nome, cognome, paese, titolo, dimensioni, tecnica, anno e copia del pagamento della quota di iscrizione.
La documentazione (foto comprese) non verrà restituita.

info, bando e iscrizioni

lunedì 10 novembre 2014

La MaMo gallery di Milano presenta Celestina Salemi

"La terrra e L’anima" è il titolo della personale dell'artista Celestina Salemi che la MaMo gallery di Milano ospiterà sino al 28 novembre.
Abile sperimentatrice di tecniche e d’immagini, Celestina Salemi dà corpo nei suoi dipinti a figure intense e potenti. Per realizzarle, s’ispira a scatti personali – fotografie d’archivio o realizzate in studio - che riproduce su tela utilizzando nient’altro che il suo occhio e il suo pennello. A questo momento creativo di estrema lentezza ne segue un altro segnato dal dinamismo, in cui l’artista si diverte a inserire, nelle composizioni dipinte a olio, materiali diversi o oggetti di dichiarata valenza simbolica, capaci di accentuarne o, al contrario, di trasgredirne il realismo quasi fotografico. Salemi prende spunto da eventi personali o da iconografie religiose, ma rappresenta soggetti universali quali la fugacità del tempo (L’inganno, 2008), la forza distruttiva delle passioni (Disperazione, 2009), l’immoralità dell’agire politico (Italia con cancro, 2011) o il potere salvifico della cultura (Un canto per l’arca, 2009), della tolleranza e della solidarietà (L’angelo della luce, 2010). Alcune suggestive figure evocano le contraddizioni della sua terra, la sua bellezza altera, la sua decadenza. La sua città natale, Palermo, è ora donna-rapace dallo sguardo vitreo, incapace di accorgersi che l’alloro che un tempo le cingeva il capo si è ormai disintegrato (S.P.Q.P., 2012); ora è invece figura straziata da una palma rinsecchita, che sorge, come uno spaventoso tumore, dalla sua testa (Palermo muore, 2010).
La mostra, a cura di Valeria Modica, inaugura il 14 novembre alle 18,30.


“LA TERRA E L'ANIMA”
Celestina Salemi
MAMO GALLERY - MILANO
Dal 14 novembre al 28 Novembre 2014



Dalla Macchia al Contemporaneo: Il Paesaggio - selezione di artisti

Sono in fase di selezione gli artisti Italiani ed Europei per la partecipazione all'Edizione 2015 di "Arte in Toscana: dalla Macchia al Contemporaneo" dedicata al Paesaggio. La mostra che si inaugurerà nel Gennaio 2015 (dal 10 al 28 Gennaio 2015), a cura Massimiliano Sbrana, raccoglierà opere di pittura e scultura (ma saranno visibili anche grafiche, disegni, incisioni e fotografie) di artisti Italiani ed europei partendo dal primo e secondo novecento toscano fino alle realtà più contemporanee nazionali ed europee.

Ben poche altre regioni del Belpaese possono vantare non solo "un retaggio artistico" dai contenuti così profondi e radicati nel territorio e nella cultura popolare come la Toscana. La Toscana, già culla della civiltà italiana ed uno dei maggiori crogioli della moderna cultura europea, non è solo legata alla straordinaria elaborazione di concetti ed a forme e metodi di espressione originale che l'hanno contrassegnata in oltre due millenni di storia: è stata essa stessa fucina di straordinaria produzione artistica moderna, che ha dettato tempi e modi sullo scenario continentale. La Toscana quindi come laboratorio di esperienze artistiche, come luogo di sintesi e di rilancio in ambito universale attraverso anche le espressioni artistiche a noi cronologicamente più prossime.

Il tema è delle opere dell'edizione 2015 è il "Paesaggio" e potrà essere sviluppato con ogni tecnica, dalla pittura alla grafica, alla fotografia, all'elaborazione digitale. La partecipazione alla rassegna implica il versamento di un contributo. Alla mostra possono partecipare un numero limitato di Artisti.

Gli artisti (Italiani ed Europei) interessati a partecipare possono contattare il curatore della mostra Massimiliano Sbrana al +39 3393961536 per maggiori informazione e richiedere la scheda di adesione e norme di partecipazione a centroartemoderna@gmail.com

sabato 8 novembre 2014

Al Museo Omero: PAOLO ANNIBALI

Alla settecentesca Mole Vanvitelliana di Ancona, nelle sale del Museo Omero, grande inaugurazione questo pomeriggio alle 18 della mostra di Paolo ANNIBALI “DIRÀ L’ARGILLA la mano, la terra, il sacro”, con oltre 20 grandi sculture in terracotta realizzate negli ultimi tre anni, secondo un progetto unitario pensato per il Museo Omero.

Flaminio GUALDONI, curatore della mostra, così scrive in catalogo, “Come il plasticatore antico Annibali sceglie l’argilla, giungendo nel proprio gioco di suggestione archeologica a fingere le tracce del colorire antico, ancora una volta raccorciando la distanza rispetto al mito d’una bellezza assoluta e in odore di metafisica… La sceglie perché la terra è la materia disponibile a tutte le forme, ripostiglio di tutte le memorie.”
Le grandi sculture in terracotta, collocate come a ricostruire un antico tempio, sono inconsuete, disperatamente attuali, prive di enfasi eppure fortemente attrattive e seducenti nel loro silenzio spaziale. Una sorta di “monumento al nulla” senza miti e senza eroi, dove gesti e sguardi rivelano il vuoto del presente e la distanza impenetrabile delle figure femminili del frontone.
Oltre alle sculture, tutte inedite, anche 21 splendidi disegni a china e un’immensità di schizzi e bozzetti. L’allestimento degli architetti Massimo Di Matteo e Mauro Tarsetti, si articola in modo da fondere la fatica quotidiana del lavoro della scultura con la solennità delle opere finite. Entrare in questa sorta di laboratorio invaso da strumenti, appunti e disegni (intuizioni a volte realizzate) che percorrono tutta la sua carriera, è come entrare nell’intimo repertorio dell’artista.
Seguono poi gruppo di “acròteri” – Cariatide, Hestia, La fine delle cose, Eroe sfinito, Maschere – e tutti i 21 disegni a china Autoritratto, Disperdersi, Il mare lontano, Eva. Per poi arrivare al tempio impossibile con le 12 metope: singole scene teatrali incastonate con la loro profondità in moduli di terracotta, racconti intimi, ricordi, epifanie, visioni da Album di famiglia a Bambina che sogna il mare. Di forte impatto le cinque figure femminili del frontone, cinque donne colte nei loro gesti quotidiani come truccarsi o specchiarsi. Il gruppo scultoreo, sospeso nella sua raggelante fissità su una tavola di acero, rappresenta il fulcro di questa acropoli contemporanea.
Una mostra ideata per il Museo Omero, (che già ha già in collezione permanente quattro opere di Annibali), da vedere e da toccare, fruibile da parte di visitatori vedenti e non vedenti. La terracotta può esser toccata, esplorata con le mani, accarezzata ed è il materiale ideale per una mostra tattile. Oltre alle sculture, di particolare interesse anche la traduzione a rilievo dei magnifici disegni.
Nel catalogo edito da De Luca Editori d’Arte, gli interventi dello stesso Flaminio Gualdoni, di Erri De Luca, del presidente del Museo Omero Aldo Grassini e dell’artista.
La mostra è promossa dal Museo Tattile Statale Omero, con il Patrocinio della Regione Marche, in collaborazione con l’Associazione Per il Museo Omero Tattile Statale Omero ONLUS. Sponsor tecnici: Adriatica Legnami, Cotto Santa Maria della Petrella, Mobilificio Binni.


8 novembre - 15 febbraio
Museo Tattile Statale Omero – Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni da Chio, 28 – 60121 Ancona
http://www.museoomero.it
info@museoomero.it
infoline 071.2811935
Sito vocale 800.202220
Orario dal giovedì al sabato ore 16-19; domenica e festivi ore 10-13 e 16-19
Apertura straordinaria per gruppi e scuole.
Chiuso: 25 e 31 dicembre.
Ingresso: libero.

lunedì 3 novembre 2014

CATALOGANDO: 20 artisti per 20 cataloghi

Art Open Space - blog & gallery 2.0 - lancia la I EDIZIONE del nuovo concorso CATALOGANDO: 20 ARTISTI PER 20 CATALOGHI.

Il contest è completamente gratuito e rivolto ad artisti di ogni nazionalità, senza limiti di età purchè maggiorenni, che si esprimono attraverso le seguenti discipline: pittura, scultura e installazioni, fotografia.

Lo scopo è quello di offrire a 20 talentuosi artisti la realizzazione e la pubblicazione di un proprio catalogo d’arte.

Art Open Space si farà carico dei costi di realizzazione e distribuzione del catalogo, la cui stampa e vendita è affidata ad un partner leader in questo settore, una grande libreria indipendente internazionale: Lulu.com.

Gli artisti non sono obbligati all’acquisto del catalogo e non devono sostenere alcun costo.

I 20 artisti saranno selezionati tra coloro che entro la data del 5 dicembre 2014 faranno pervenire all’indirizzo e-mail artopenspace@outlook.it il seguente materiale:
-immagini di buona qualità di almeno 5 opere accompagnate da nota esplicativa che ne riassuma le informazioni basilari (tecnica, dimensione, titolo e tema)
-curriculum vitae

Entro il 15 dicembre verranno comunicati i nomi dei 20 artisti selezionati.


giovedì 30 ottobre 2014

Numeri da record per il Festival LE STRADE DEL PAESAGGIO

Un bilancio oltremodo positivo in termini di proposta, qualità degli eventi e partecipazione.
Si chiude con numeri da record l'VIII edizione del Festival del Fumetto Le Strade del paesaggio.
Oltre 12.000 sono state le presenze, provenienti dall'intero meridione, che hanno visitato le mostre in programma negli spazi del Museo del Fumetto, del MAM e della Galleria d'arte Terrain Vague.
Più di mille gli studenti degli istituti scolastici del territorio provinciale che hanno partecipato ai laboratori promossi dal festival e alle visite guidate delle opere in mostra.
L'e-book dell'albo speciale di Dylan Dog Un amore mostruoso a Cosenza, realizzato da Le Strade del paesaggio in collaborazione con la Sergio Bonelli Editore ha collezionato 12.000 download in poco più di 10 giorni: un dato straordinario e in crescita esponenziale.
Sul sito ufficiale dell'evento www.lestradedelpaesaggio.com 30.000 sono stati i click di visita, mentre 32.000 sono stati gli utenti unici sulla pagIna Facebook.
Ultimo ma non per ordine d'importanza è stato il notevole coinvolgimento cittadino che il Festival ha saputo calamitare. Non parliamo solo di pubblico, ma di soggetti operanti nel territorio; in particolari esercenti e titolari di attività commerciali che hanno sposato (sono più di 60 le adesioni) lo spirito del festival dedicando al fumetto e al suo tema, vetrine, menù speciali.
Sono proprio loro, i protagonisti del video VIRALE http://youtu.be/zgPw5yZzMHs con cui si congeda quest'anno Le Strade del Paesaggio.
Una comunità intera che ha supportato attraverso la sua attività lavorativa e condiviso il mood della kermesse, che dà il suo personale in bocca al lupo a un Festival che ha con la sua ottava edizione sancito profondamente il legame narrativo con il territorio di riferimento, diventando al contempo un punto di riferimento a cui guardare con attenzione e ammirazione per l'intero panorama nazionale.


mercoledì 29 ottobre 2014

I nuovi cataloghi a copertina morbida di Art Open Space

Grande novità e grande soddisfazione sotto il cielo di ottobre, l'autunno come fosse una cicogna porta in casa Art Open Space una nuova "creatura" tanto attesa e finalmente arrivata: i cataloghi stampati!


Dopo gli e-book giungono anche gli eleganti cataloghi a copertina morbida e lucida, stampati in quadricromia e dalle misure davvero importanti: 21,59, x 27,94 cm.

Gli artisti avranno così modo di vedere catalogate le proprie opere e il catalogo pubblicato e in vendita, non attraverso un semplice canale di distribuzione ma una vera e propria grande libreria indipendente internazionale che ne garantisce la stampa e la consegna in modo capillare.

Ieri il corriere mi ha consegnato il plico contenente i primi tre cataloghi pubblicati che mostro con molto piacere, sono degli artisti Erika Azzarello, Paola Rattazzi e Gualtiero Redivo.

Per quanto mi riguarda, questi sono i primi di una lunga serie, perchè il mio sogno è quello di dare vita ad una vera e propria collana dedicata all'arte contemporanea, speriamo di riuscirci...! 

Cristina Polenta


..questi sono i link per accedere alle pubblicazioni


mercoledì 22 ottobre 2014

L'inizio di un lungo viaggio

Al Centro Culturale Zerouno si parla di ‘viaggio e viaggiatori’, il viaggio rappresenta l'insieme delle opere d'arte mentre i viaggiatori sono tutti gli artisti che sanno che è impossibile 'non avere altro da vedere' poichè ogni fine viaggio è l'inizio di un altro.
Questa volta è Josè Samarago che ispira un’altra esposizione nel lungo percorso dedicato alle parole e all’arte . L'esposizione diviene un treno che ospita i viandanti con i bagagli che sono le esperienze, i ricordi, le suggestioni; ad ogni stazione nuove fermate con vissuti sempre diversi. Solo figurazione dissomiglianti a confronto, sia nella pittura che nella scultura, ognuno a modo proprio. Gesti intensi e sensi latenti al fine di stimolare riflessioni e apprezzare la magia del viaggio; cinque i passeggeri prescelti che si svincolano dalle formalità e si esprimono diversamente in forma singolare: Franco Bolzoni, Helena Buscemi, Gennaro Mele, Ileana Colazzilli, Giuseppe Zumbolo. 

Quella di Franco Bolzoni è un’arte pitto-scultorea poiché mummifica i suoi protagonisti studiandone le diverse sfumature tonali identificando forme divertenti, alternative e solari. Non esistono confronti con un’arte tale che riesce ad essere imponente e leggera insieme intrappolando l’osservatore nella curiosità dell’oggetto immobilizzato e distraendolo con la soavità di toni ben calibrati e cadenzati. Helena Buscemi è una mano giovanissima come per nulla si immaginerebbe guardando le opere: una sorpresa avvincente di una giovane diciottenne che si esprime con una mano imponente e maestra. Ispirata dai particolari femminili lascia che siano solo le emozioni a prendere il sopravvento; fulcro della rappresentazione sono gli occhi poiché da lì per la Buscemi parte tutto.
Gennaro Mele si distacca totalmente dalla consueta trattazione figurativa per lasciare che una linea ricurva intrisa di piccole sequenze di colore individuino l’intera resa finale. Uno stile decisamente alternativo e del tutto personale che diviene mezzo di denuncia e grande forma di comunicazione in cui ben si apprezza l’abilità dell’artista. 
Giuseppe Zumbolo è uno sperimentatore di natura poiché passa dalla pittura alla scultura con una prontezza rara. Piccole figure armoniche, dalle linee ricurve divengono le protagoniste di un mondo elegante e raffinato in cui stare a guardare con imponenza e semplicità come solo pochi artisti sanno fare.

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. La fine di un viaggio è solo l'inizio di un altro. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già fatti, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Il viaggiatore ritorna subito.
(Josè Samarago da Viaggio in Portogallo)



fino al 4 novembre

Centro Culturale Zerouno
via Indipendenza, 27 Barletta
lun-ven 17.30-20.30
ingresso libero

martedì 21 ottobre 2014

MOVIN'UP 2014

Aperta la seconda sessione di Movin'Up 2014, bando rivolto a creativi tra i 18 e i 35 anni che sono stati invitati all'estero da istituzioni culturali e cercano un sostegno economico ai loro progetti multidisciplinari. Deadline per candidarsi: venerdì 21 novembre.

Movin'UP è un programma di sostegno alla mobilità degli artisti italiani nel mondo a cura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani; la partnership, anche per il biennio 2013-2014, supporta la circuita zione degli artisti italiani emergenti nel mondo, a ttraverso il concorso Movin'Up, nell'ambito del progetto DE.MO. – sostegno al nuovo design per art shop e bo okshop e alla mobilità internazionale dei giovani artisti italiani.

Movin’Up, giunto alla sua XVI edizione, è un bando rivolto ai giovani creativi tra i 18 e i 35 anni di età che operano con obiettivi professi onali e che sono stati ammessi o invitati ufficialmente a ll'estero da istituzioni culturali, festival, enti pubblici e privati a concorsi, residenze, seminari, workshop, stage o in iziative analoghe o che abbiano in progetto produzi oni e/o co- produzioni artistiche da realizzare presso centri e istituzioni straniere. I settori artistici ammessi sono: arti visive, arch itettura, design, grafica, musica, cinema, video, teatro, danza, performance, scrittura.

Una commissione nazionale di esperti appositamente costituita, formata dai rappresentanti degli Enti promotori insieme a commissari indipendenti nominati dagli stessi, vaglia le domande individuando gli aventi diritto, stila una graduatoria e sulla base del budget complessivamente distribuibile in ogni sessione approva l'entità del contributo economico da assegnare a ciascun vincitore.

Il programma ha permesso di sostenere ad oggi 612 su 1.845 progetti presentati, per un totale di oltre 1000 artisti.

II SESSIONE 2014 – scadenza 21 NOVEMBRE 2014 ORE 12.00: verranno prese in considerazione le domande per le attività all’estero con inizio compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2015

LEGGI IL REGOLAMENTO COMPLETO NEL BANDO MOVIN'UP 2014

Le candidature 2014 dovranno essere presentate solo ed esclusivamente tramite procedura on-line. Non saranno presi in considerazione richieste e documenti trasmessi con modalità diverse da quella indicata nel bando, quali ad esempio posta, fax, consegna a mano, email, etc.

Per informazioni: segreteria nazionale GAI
tel. +39 011.4430020/ 34 - numero verde 800807082 - info@giovaniartisti.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...