Google+

.:| BLOG .|. GALLERY .|. INTERVISTE .|. CONCORSI .|. CATALOGHI .|. MONO |:. .: :.


sabato 24 marzo 2018

Art Open Space gallery: DAZ Daniela Moretti

Siamo giunti alla terza personale della Rassegna d'Arte 2018 di Art Open Space, è la volta di Daniela Moretti, in arte DAZ.
Pittrice e scultrice, con una passione viscerale per la filosofia con cui affronta e analizza i molteplici interrogativi sui limiti e l'agire dell'essere umano.
La sua ricerca artistica è frutto di un'evoluzione interiore che è partita dalla poesia e sfociata nell'arte visiva, un cammino dalla parola al colore, alla forma. Non a caso si definisce "una pittrice e una scultrice per necessità esistenziale".


PARLAMI NON TI SENTO

L’espressione artistica ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita, ma da 20 anni questo spazio è cresciuto esponenzialmente, diventando nell’ultimo decennio un rapporto totalizzante.



ANAGRAMMA
COSTELLAZIONI


LADY D'ARBANVILLE


KEPHRI

FEODACHAN

L’arte è la mia vita: vivo, penso e mi esprimo attraverso questa dimensione. Ogni mia opera parte da una ricerca, un pensiero, un oggetto mentale e ragionato che solo in un secondo momento diventerà forma visiva, che sia pittorica o scultorea.


IO SONO L'ALPHA E L'OMEGA

LA GRANDE MADRE






















martedì 13 marzo 2018

HUMAN RIGHTS? #EDU - selezioni aperte

HUMAN RIGHTS? #EDU è una rassegna collettiva organizzata da AIAPI con Spazio-Tempo Arte e Art&forte in collaborazione con la Fondazione Opera Campana dei Caduti e curata da Roberto Ronca.

É aperta agli artisti di tutto il mondo, la partecipazione è gratuita, carico degli artisti selezionati sono solo le spedizioni di andata e ritorno delle opere.

HUMAN RIGHTS? #EDU è aperta alla partecipazione di qualsiasi linguaggio artistico come ad esempio pittura, scultura, grafica, disegno, fotografia, videoarte, arte digitale, installazioni, performance, arte interattiva e ogni altra espressione della creatività.

La mostra viene organizzata presso la Fondazione Opera Campana dei Caduti dal 23 giugno al 23 settembre 2018, il vernissage inaugurale sarà organizzato sabato 23 giugno 2018.





lunedì 12 marzo 2018

L'artista si racconta: ERIKA BONATO

Erika Bonato, artista poliedrica e completa che si esprime attraverso la pittura, l'installazione, performance, video e anche fotografia.
Erika Bonato ama sperimentare, la sua è una continua ricerca, le sue opere sono frutto di intuizione e istinto, interpretazioni del significato più profondo della vita, una lettura del complesso e a volte tormentato equilibrio tra razionalità e sentimento.

Lo spirito dell'arte mi pervade ogni giorno anima e corpo, come una sorta di malattia; sempre in continua ricerca di possibili strade, non esito mettermi alla prova senza pormi limiti, per oltrepassarli e andare oltre.
Amo creare liberamente opere pittoriche, installazioni, performance, video e foto, senza soffermarmi su un singolo metodo espressivo mediante la materia oppure attraverso il corpo.

Le mie opere sono racconti intimi che pongono interrogativi sulla vita e sul significato dell'esistenza, sul destino dell'uomo e sul rapporto fra realtà interiore ed esteriore.
Nascono in modo spontaneo, non cerco mai l'ispirazione per creare ma aspetto che siano le idee stesse a trovare me, mi lascio trasportare dall'intuizione e dall'istinto per dare voce all'interiorità più vera.

Il mio percorso artistico è iniziato fin dall'infanzia; sono cresciuta a contatto con la natura, vicino ad un bosco, questo imprinting ha posto le basi per la mia ricerca artistica. Riempivo quaderni interi di figure e storie immaginarie, ero affascinata dalla creazione e dalla manualità e rubavo a mio padre gli attrezzi da lavoro per costruire oggetti di ogni tipo.
La scelta più naturale e' stata quella di seguire gli studi artistici a Verona e successivamente dedicarmi completamente all'arte. In fondo ho sempre saputo dentro di me quale era la mia strada e non ho fatto che seguirla. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...