DANIELE LUGLI

"L'utilizzo della grafite mi permette un'attenzione al dettaglio e al descrittivismo senza perdermi in una esecuzione fotografica “imitativa” e mi consente di mettere a fuoco, forzandolo, l'aspetto emozionale."

Abyot





Ohye

















Il bianco: la decontestualizzazione offre allo spettatore la possibilità di un'asincronia temporale e di uno spazio immaginativo proprio, in quanto lo proietta in una dimensione storica "falsata" dal bianco dello sfondo, ma "fedele" per quanto riguarda la ritrattistica.



Cabello
Alex


DANIELE LUGLI ha studiato arti grafiche all'Istituto Statale d'Arte Paolo Toschi di Parma, si è specializzato nel ritratto utilizzando la grafite e dedicandosi allo studio dell'anatomia come strumento antropologico. Ha esposto in alcune personali e collettive. Durante l'estate partecipa a manifestazioni “live” dove gli è possibile mostrare la tecnica di esecuzione.